Google+ Badge

sabato 29 novembre 2014

per chi non...c'è più!


*Eri*






guarderò ancora allo specchio
per riveder me stesso,
scoprire che c'è sempre
un lato buono,
sapermi anche propenso
ad un perdono,
vedere quelle macchie
dentro agli occhi,
l'infelicità per tutte
le ingiustizie,
come in un foglio
pieno di scarabocchi,
che confusamente
prendono lo sguardo
per ritrovarti pronto a correggere,
a dare un senso logico
ad ogni cosa,
capire che la vita
ancora può offrire un qualcosa,
che valga poi la pena
d'esser colto,
vedere li riflesso
il mio pensiero,
di cui avevi voluto esserne parte
per poi tirarti indietro
nel più bello,
lasciandomi in un angolo
come un gioccattolo
che solo dopo poco
ti annoiava,
ma ancora
nello specchio guarderò,
trovando ogni risposta
che non ho,
e ripensandoti certo
non mi verrà meno,
il poterti perdonare e poi
dimenticare.

giovedì 13 novembre 2014

convinti di una evoluzione costruttiva.....

cambiamenti
 abbiamo sconvolto tutto,
scombinato la natura,
abbiamo cambiato il modo
di vivere la vita,
ci siamo dimenticati
da dove proveniamo,
di essere appartenenti
al regno animale;
per molto,tanto tempo
ci siamo comportati
in modo regolare,seguendo
ogni cosa in senso naturale,
la nostra vita seguiva
l'istinto primordiale
che nella fati specie
vive ogni animale.
un ritmo biologico
un giusto equilibrio,
gestito solo dal ritmo
da un orologio originale,
dove era la luce,il sole
a doverci regolare,
il sonno il risveglio e,
tutto il nostro fare;
ora tutto è cambiato
tutto abbiamo modificato,
orari ritmi e tempo
abbiamo scombinato, per
un nostro egoistico tornaconto
non guardiamo più a nulla,
ne all'alba ne al tramonto ma,
solo al risultato.

venerdì 7 novembre 2014

immaginando cosa Lui direbbe....ora


adesso






e Lui disse:
andate e moltiplicatevi.....
non cero andate
ed invadete tutto,
eliminando ciò che
non vi fa comodo,
distruggendo boschi e foreste,
sterminando intere
razze animali e vegetali,
soltanto per
il vostro....egoismo;
e sempre secondo Lui
noi dovevamo
colonizzare il mondo?
dovevamo erigerci
superiori a tutto,
imponendo la nostra volontà
su ogni altro genere,
sterminando anche
i nostri simili?
e lui ora cosa potrebbe dire?
ora,io se fossi Lui,
guarderei tutti negli occhi
fissando profondamente,
direi che non avete
capito niente,
che dovevate abitare la terra
senza sovraffollarla,
amando e rispetando
ogni suo residente,
ma di tutto questo a voi
non è importato niente,
perciò,d'ora in avanti
statevene pur certi,
ne pagherete tutti
la vostre....conseguenze.

mercoledì 5 novembre 2014

la voce che si sente,non è certo la sua......



il Vento !




soffia forte il vento
... lo sento,
fra rami d'alberi
e le case,
portarsi dietro quel
triste lamento,
quello che sembra
essere
il suo ululare,
ma non è certo
il vento a lamentare,
bensì anime perse
la....oltre il tempo,
che al vento
affidano
il loro disperato,
messaggio
di un aiuto
invano atteso,
e lui
col suo soffiare
forsennato,
consegna a noi
quel grido,
confidando che da qualcuno
sia ascoltato.

domenica 12 ottobre 2014

a volte se non conosciamo le destinazioni,non vogliamo nemmeno affrontare le...situazioni....

osare!





la pianura,
monotona e piatta distesa
di campi incolti,
mi si para davanti
con l'aspetto di un tutto bruciato,
dal vento e dal caldo
distrutto,
che brutto l'impatto....
una strada ,
lunga e diritta....infinita
la taglia a metà,
una strada che va
non so dove ma lo scoprirò,
percorrendola tutta
sconfinerò,
oltre la radura....
la moto,
paziente ed armoniosa
l'asfalto divora,
ne soffre del caldo
dal basso venuto secco ed asciutto,
non è certo benevolo
ne vitale,
un starnuto....potrebbe star male...
io preoccupato,
un poco disorientato
ma deciso nel continuare,
la sete mi prende così
come il timore che soffra il motore,
ma,non mi posso fermare
sarei perso in un mare,
ti terra bruciata....disperata....
la pianura,
monotona e piatta
è passata alle spalle,
ora davanti a me
una valle con alberi ed un fiume,
aria fresca che la moto
ed il mio corpo respirano,
ora...è scordato l'impatto....
la strada,
non è ancora finita
ma si vede....la vita,
anche se ancora non so
dove porta e dove andrò,
so che sarà certo
meno dura,
sono fuori della....radura.

giovedì 9 ottobre 2014

un quaderno sconfusionato.....


Appunti....







incredulo osservo
parole trascritte confuse,
su fogli scarabocchiati
d'un quaderno
apparentemente abbandonato,
distratto lo sposto
e guardo quei segni,
disegni insignificanti
intrusi fra le parole,
senza grande valore
così almeno può sembrare,
ma il tutto non è
...come appare....
mi par di capire
qualche cosa di logico,
che tutto l'inchiostro
buttato sui fogli così
alla rinfusa,non sia
invano gettato ma usato
come punto d'appoggio,
per dare lo spunto
a qualche cosa di nuovo,
che la mente saprà partorire
osservando,parole e scarabocchi,
che invece saltano agli occhi
se visti così da chi
non riesce a capire,
ma sono invece appunti importanti
di vita che è giusto tenere,
bene in vista e dentro di se.

sabato 27 settembre 2014

l'uomo che...non esiste più.....

il contadino

le mani
sporche di terra,
l'odore del sudore,
del fieno
fra i capelli,
gli zoccoli che
fanno rumore;
rientra
stanco la sera,
dopo le molte ore
trascorse la
nei campi,
sin dal levarsi
del sole.
ad aspettarlo ora
certo non è il riposo,
c'è la stalla
da accudire,
le mucche ed i vitelli,
dar loro da mangiare
e....l'abbeverare;
poi ,eccolo
sulla soglia,
già scalzo ed affamato,
rivolgere alla consorte
un sorriso ed un saluto,
prima di accomodarsi
esausto li...seduto.
è andata così
la giornata,
del vecchio contadino,
un pane
del salame,
ed un bicchier di vino
saranno la sua cena;
infine
quattro chiacchiere,
scambiate
con la moglie,
che ancora dopo anni,
lo sguardo non distoglie
dall'uomo..... suo.

sabato 20 settembre 2014

non sempre il silenzio è....perfetto....


Il silenzio.....



silenzio
nella notte che giunge,
silenzio
nel buio che scende,
silenzio
tutto intorno mentre,
dentro di me
una gran confusione,
silenzio 
che distrugge la mente,
silenzio
che distoglie il pensiero,
sospeso
ogni mio desiderio,
di capire
ciò che accade in me;
mi si sdoppia 
il pensiero,
la mente
si distrae per davvero,
non riconosco
la strada,
il sentiero che
mi riporta da te,
tutto è confusione,
il silenzio
è un caos colossale,
alle volte fa bene
ma in altre
di certo fa male,
mi raccolgo
riprendo a...pensare.
il silenzio
l'ululato di un lupo
che cupo 
dal bosco riecheggia,
che il sangue 
ti gela
distuggendo
la certezza che hai,
il silenzio
un volto di donna,
che la notte
sconvolge il tuo sonno,
e ti porta
al volerti svegliare,
ritrovarti per
ritornare a...pensare.


sabato 13 settembre 2014

in certi momenti è difficile.......

capire

non mi trovo più
non riesco a visualizzarmi
in questo spazio temporale,
tutto questo fa star male,
mi guardo attorno
sconcertato un po,
non riconosco più
questo mondo che mi circonda,
sento che è tutto
una grande baraonda;
mi perdo in mezzo
a tutta questa confusione,
ai modi di fare e di pensare
di persone affamate solo d'egoismo,
mi perdo nel mezzo
del pensiero di puro consumismo,
eppure cerco di estrapolare
da tutto questo ma,
mi sento strattonare
da chi non vede le cose come me.
non mi trovo più
non trovo più forza
o la voglia,di scrivere di me,
chissà perchè io parlo
a un mondo indisposto
nel rispondere,lo riconosco
di essere esigente ma
non pretendo niente dalla gente
ma allora perchè....scrivere
se è solo per......me.

lunedì 1 settembre 2014

sono due metà che...cercano di,completarsi !




noi

 uomo e donna,
due metà che si
compensano vicendevolmente,
pensiero della mente
che rintrona in me,
la convinzione che
l'altra metà tu sia,
non può essere
solo fantasia;
donna ed uomo,
due corpi che si
uniscono perfettamente,
non è un disegno
della mente ma,
una realtà costante
sempre...presente,
essere uno in due
non è delirante.
uomo e donna
donna e uomo,
l'essere tutt'uno
o singolarmente divisi,
nella diversità che
si compensa
restando uniti
per una intera...esistenza;
donna e uomo,
personalità diverse che
si trovano casualmente
oppure in modo predestinato,
suggerito dal "fato"
casualmente ti ho incontrato,
ed ora tu ed io siamo...noi.

venerdì 22 agosto 2014

fare delle scelte nella vita,non è mai....facile!

hai...scelto!






era la tua prima volta,
in te c'era
stupore,
provavi un po di ansia,
chissà
forse dolore....
ma la curiosità
di te
era padrona,
tu lo volevi
ad ogni costo fare,
anche se
la vita non
...perdona;
dagli occhi qualche lacrima,
scorreva 
sul tuo viso,
la vita 
è un po tutto
inferno e....paradiso,
così la decisione
il tuo 
volerlo fare
anche se poi...un domani
non potrai
rinnegare
che era cosa tua
e l'hai voluta...tu.
era la tua prima volta,
non accadrà
lo sai 
mai...più,
ne sei rimasta scossa
delusa certo
che...no,
ognuno nella vita
cerca
ciò che può,
adesso che lo hai fatto
che da te
lo hai provato
non lo rimpiangi più,
ti sei scelta
la vita
la vita che 
volevi tu;
la tua curiosità
te la sei appagata,
prendendo la tua strada
te ne sei andata,
lasciandoti alle spalle
ogni comodità,
l'ansia ora 
se ne andata,
stupore più non c'è
ancora un po
di dolore,
che nascondi
dentro di te.







domenica 10 agosto 2014

tutto è....dentro di....me!

Vita







cercavo 
un po  di luce
nell'oscurità della notte,
mi sentivo
solo e perso
nel suo freddo
grembo,
ascoltavo ma
non una voce,
non una parola
mi era dato sentire,
solol'affanno 
del mio respiro,
l'esitare del mio cammino
null'altro....
irrequieto
agitato nello spirito,
 andavo e
cercavo,
il bosco era fitto,
difficile era
trovare il sentiero,
incontrare
la luce...
trovare...me stesso.






lunedì 7 luglio 2014

cose che...potevano accadere tempo...fa!!!

il bacio !







però quel bacio
tu me l'hai rubato....
però quel bacio
io te l'ho rubato....
però quel bacio
poi....... ;
ricordo ancora
le nostre corse a perdifiato,
la in mezzo al prato,
le gare che facevamo
per saltare il fosso,
mentre tu tenevi sempre
le tue guance belle rosse,
per poi finire sempre
a giocare nel fienile,
rotolarsi insieme
abbracciati
in mezzo al fieno,
così sudati che
s'appiccicava tutto;
poi tornavamo
in mezzo ai grandi,
con le ginocchia un po sbucciate
ma con l'innocenza in viso,
e sulle nostre labbra
costante era il...sorriso,
in quel fienile
solo giocavamo,
senza recare disturbo
e senza fare danno,
ma la tua mano un di
strinse forte la mia,
come a far capire che
non dovevo andare via,
mi attirasti a te
negli occhi ci guardammo,
le labbra che tremavano
infine...ci baciammo.
però quel bacio
tu me l'hai rubato....
però quel bacio
io te l'ho rubato....
però quel bacio
poi....ci ha cambiato.

domenica 6 luglio 2014

il giardino dei
sogni!







inseguo i pensieri
che conducono
ai sogni,
ascolto parole
da te pronunciate,
lontane leggere
presenti...vicine,
escludo i rumori
provenienti dal fuori,
per poter ascoltare
in modo migliore,
quelle poche parole
che suggerisce il mio cuore;
raccolgo nel prato
un selvatico fiore,
senza staccarlo 
dalla pianta
ne assaporo il profumo,
delicato e gentile
selvatico odore,
riporta alla mente
un giovane amore...
riporta il ricordo
di giardino  fiorito,
dell'acqua al ruscello
che scorreva felice.
inseguo i pensieri 
che conducono
ai sogni,
le parole ascoltate
sussurrate lontano,
come mano amica
mi si tende
mi invita a seguirla,
nel giardino
li dove 
tutto diviene
....realtà.






domenica 15 giugno 2014

passare da....un mondo all'altro!

il traghettatore di anime...





mi sono fermato nella notte
a chiacchierare,
un po di tempo 
ho voluto dedicare,
ad una figura
un tantino...particolare;
lui se ne stava li
tranquillamente appoggiato,
al parapetto in legno
di un ponte poco frequentato,
capelli lunghi
e lunga barba bianca,
la faccia sorridente
per nulla...stanca.
****
vestito di una veste
molto chiara,
pazientemente aspetta
chi sa che presto arriva ,
lui li riceve col
sorriso sempre pronto,
per poi accompagnarlo
oltre il ponte;
ti offre assai fiducia
come un nonno,
 ti prende per la mano
e nella luce ti...conduce,
perchè quel ponte
unisce quei due mondi,
così distanti ma così vicini
che legano tra loro...i destini.

mercoledì 11 giugno 2014

vivere l'attimo senza perdere...l'istante!

ora





perchè vuoi sapere
del domani,
chiedendomi cosa farò,
se tanto....
io non ho terminato
ancora il 
...mio oggi
e non so se ci riuscirò;
fatico a vivere
dentro al mio momento,
già preso
...dall'attimo,
da quel costante istante
che su me
si riflette,
la vita mi permette
di vivere
...l'ora
adesso,
solo questo
mi è concesso.
non chiedere
non domandare che fare,
mi è possibile 
soltanto
...immaginare
sperare,
e questo purtroppo
non vale per
il reale,
è tutto un astratto
una illusione
il cui impatto potrebbe
deludere 
...te ed anche me;
non chiedere
...allora
fai come me,
vivi adesso
e se
domani ci sei
...fai lo stesso,
sfrutta 
l'attimo attuale
e non pensare a
.domani
....se ci sarai
ci...penserai.












domenica 8 giugno 2014

solo al buio,si possono vivere,certe situazioni che...la luce non da....

non riaccendete....la luce....






la luce che
si spegne,
resto solo con me stesso,
apro gli occhi
fissando il vuoto,
buio ed intenso
....penso;
a questo mondo
...ingrato che
mi vuole incatenato
ad usi e tradizioni,
a futili
...illusioni,
a false ideologie
misere filosofie,
di finto perbenismo
puro...consumismo.
la luce che
si spegne,
mi ritrovo solo io
che vago
nel mondo mio,
in mezzo ad una foresta
inseguendo 
i sogni miei;
sogni di libertà
in una vera società,
senza tante ipocrisie
 ma salde filosofie,
che racchiudono tutto
il branco,
anche il vecchio
lupo stanco,
 con le sue indicazioni
per sagge....decisioni.
la luce che
si spegne,
fisso il vuoto
buio ed intenso
...penso
che non sarebbe male
restare qui
...sognare,
chiedo 
un favore solo,
....cortesemente
...non riaccendete.

sabato 31 maggio 2014

Volare....il sogno eterno dell'essere umano!

felicità!






nuvole bianche
nel cielo azzurro,
rondini nere
volano alte,
ma è poi così distante
quell'immenso cielo,
è grande e forte
in me il desiderio
di poterlo vivere,
poter spaziare
tra quelle nuvole
insieme alle rondini;
se chiudo gli occhi
posso trovarmi
perso nell'immenso
di quell'azzurro,
senza il timore
di poter cadere,
perchè il mio spirito
mi sa sostenere,
alto e distante
dalla realtà,
la,tra le pagine
della felicità.






sabato 17 maggio 2014

valgono più due parole personali di dieci copiate.....!

                                   dialogare !







     mi chiedo molte volte
                      il perché usiamo spesso,
le massime degli altri
                 gli aforismi più noti,
       andiamo ad appoggiare
                      i nostri pensieri
su idee già espresse
                  dai grandi di ieri;
                                              ci limitiamo troppo
                                                             anche nel commentare,
                                     le idee dell'amico che
                                                         cerca di comunicare,
                                               limitandoci al semplice
                                                                   bello,mi piace...è vero,
                                     nascondendo il nostro
                                                       più profondo pensiero.
          è poi così difficile
                   poter comunicare tra di noi,
potersi veramente confrontare,
                              discutere le nostre idee
      senza poi tanto criticare,
mettere in discussione
             ogni nostra opinione,
ascoltando anche l'altrui ragione;
                                           mi chiedo molto spesso
                                  ma risposte non ne trovo,
                                                    quanto è difficile adesso
                             avere un dialogo buono,
                                                 un che di costruttivo
                                    che non dia competizione,
                                                         senza nessuna concorrenza
                                              dove vinca la.....ragione.
                               














domenica 11 maggio 2014

Sembrano tante,le strade percorse ma...quante le strade che restano da camminare?

quante...le strade...




quante le strade
percorse
fino ad ora,non so,
per lasciare alle spalle
i ricordi
della gioventù,
a cercare il coraggio,
la forza di andare
a trovare
il mio mondo e
qualcosa di più;
quante vite ho incontrato
lungo le strade
vissute
fino ad ora,non so,
quante cose ho raccolto,
molte altre lasciate,
che mi sono servite
per continuare
l'andare,
superare gli ostacoli
affrontare il destino.
quante le strade
che ho camminato,
incontrando il presente
abbandonando
il passato,
con il peso del tempo
che ogni di
aumentava,
la fiducia in me stesso
lentamente svaniva,
ma era...viva;
quanta storia ho con me
dopo tutto l'andare,
con le cose
raccolte
da dovermi confrontare,
la fatica,la vita
il dolore e l'amore,
che mi spingono ancora
nel continuare,
per lasciare il presente
e trovare il....futuro.
quante le strade
percorse,
fino ad ora,non so,
molte altre saranno
quante
mai lo...saprò!






mercoledì 30 aprile 2014

con il passare del tempo le cose sfumano ma...non svaniscono!

il tempo





in modo incontrastato
il tempo
continua il suo andare,
scorre inesorabile
mentre io
lentamente incomicerò
a dimenticare
le parole,
la loro forma
il peso e il loro suono,
piano andrò a scordare
i gusti ed i sapori,
a vedere meno
tutti i colori,
le forze
mi verranno anche
a mancare,
ma nel mio continuare
a vivere
io non potrò scordare,
il suono della
dolce voce tua,
gli occhi
ed il loro colore,
il rumore dei tuoi passi
il tuo farti vicina,
la stretta del tuo abbraccio
il tuo profumo;
con il passare
del tempo
mi verrà a mancare,
la forza 
di resistere
la volontà di lottare,
 i movimenti
si faranno lenti
per ogni che da fare,
saranno grossi stenti
ma non potrò 
rinunciare
del venirti vicino,
di averti accanto a me
stretta fra le
mie braccia,
e se qual ora io
non ce la faccia,
ti avvolgerò
col mio pensiero
in un abbraccio che se
....spirituale
ti sembrerà...vero.

domenica 27 aprile 2014

non solo l'acqua che cade è......pioggia!

piove!






piove,
acqua che 
cade a dirotto,
sul selciato
nel prato,
sul corpo già bagnato,
che senza riparo
prosegue il suo cammino,
piove,
con insistnza,
inzuppando le vesti
che pesanti,
si trasformano
in un altro fardello
da trasportare;
piove,
acqua che
come lagrime
solcano un volto piangente,
segnano
un animo triste
ferito,
uno spirito tradito
dal proprio destino,
piove,
con molta pazienza,
ancora incurante
continua
il suo andare,
la tristezza è una nube
che lo accompagna,
aspettando
un colpo di vento
che la possa 
spazzare
...riportando il sereno.








domenica 13 aprile 2014

non è facile comunicare quando....non si vuole......!

ho....poche idee!




ho poche idee, in testa
tanta confusione,
mi è difficile,il farmi
una ragione,
cerco di comprendere
ma non so perchè,
in tutto vedo
che risposta non c'è;
provo a guardare, ma ormai 
sembra miraggio,
il tempo in cui,al bar
si conversava,
con un caffè,di tutto
si parlava,
si incontrava gente
 scambiandosi le idee,
ci si capiva e
nascevano amicizie.
 nei miei pensieri,cerco
una conclusione,
provo a capire,se c'è
una motivazione,
che mi soddisfi,levandomi 
ogni dubbio che,
mi vado costruendo
per comprenderne il perchè;
perchè,oggi non è facile
capire le persone,
se delle loro idee
non sono più le padrone,
se ormai la gente
in categorie si divide,
parlando in modo simile
con frasi acquisite.
ho poche idee,in testa
tanta confusione,
ma sono certo,che ho
una conclusione,
non trovi amici,oggi
ma puoi sempre rippassare,
frasi famose,aforismi vari
con cui a gente 
si viene a confrontare.
 
 
 
 
 

domenica 6 aprile 2014

si può fermare un corpo ma,non certo il suo....spirito!!!!!




spirito....



non ci son radici
ad ancorarmi al suolo,
non ho steccati
a limitarmi l'area,
non ci sono gabbie dorate
o metalliche catene,
che possano limitare
la possibilità di andare;
potranno fermare
il corpo,renderlo inerme,
fermare un fisico
immobilizzando i muscoli,
ma sarò sempre in grado
di potermene andare,
il mio spirito
nessuno può fermare.
ho imparato a guardare
oltre al naturale,
a soffrire
senza darlo a vedere,
non versando lacrime
così che gli occhi
non siano mai offuscati,
sempre preparati;
potrò vagare 
nell'oscurità notturna,
potrò attraversare
ogni tipo di ostacolo,
avrò impedito il corpo
ma la mente mia,
seguirà questo spirito
che libero,sempre....sarà.








martedì 25 marzo 2014

non sempre crescere è un....vantaggio!!!!

crescere...!






eri bambina
o appena poco di più,
ai tempi che
ci siamo conosciuti,
nei prati
insieme giocavamo noi,
e non ricordo
quasi più,
i tuoi vestiti colorati
e i sandaletti rossi,
rincorrevamo
grilli e farfalle,
ed i nostri giochi erano
ingenui ed innocenti,
che non turbavano
le nostre menti,
ne tanto meno i
...nostri parenti;
il tempo però
anche se lento trascorreva,
e la natura il 
suo corso seguiva,
tu da bamdina
cambiasti in ragazzina,
il corpo tuo 
fioriva a vista d'occhio,
sbocciasti in fiore
ed io ti seppi cogliere,
ci ritrovammo conteti
noi,di quei
...momenti,
una felicità per
l'esperienza nuova,
che trasformava
due bambini ingenui,
che non si rendevano 
certamente conto,
che un'amicizia
al vento
avevano buttato.








domenica 23 marzo 2014

seduto....osservo!

il posto!







sto li seduto
sotto la vecchia pianta,
osservo ironicamente
la vita mia
che arranca,
la guardo mentre
stenta a fronteggiare
i giorni,
mentre si lamenta
per le mie
situazioni,
eppure la ricordo,
in tempi 
non distanti,
agile e spensierata
nell'affrontare tutto
molto...determinata;
sembrava non patire
il  tempo
il suo passare,
come se sempre
giovane,
lei dovesse rimanere,
l'argento nei capelli
invece
si fa notare,
come le foglie d'ulivo
che ombreggiano
il mio capo,
fanno bene comprendere
che il tempo 
è passato.
sotto la vecchia pianta
mi siedo
a riposare,
pensando un po
al dopo
a ciò che potrei...fare,
guardo un po
compiacente,
ancor la vita mia
che sembra
mi voglia dire,
è ora
di andare...via,
lasciare questo 
mio posto,
dove ora sto seduto,
a qualcuno
un po più gioane
un po più
ravveduto.






giovedì 13 marzo 2014

Il conto,arriva sempre!


non.....credere!








non credere che 
tutto sia così facile,
nemmeno per me
lo è....
le cose sono sempre
complicate
ingarbugliate,
ance se cerco
di semplificarle,
non sempre ci riesco,
allora i miei pensieri
vanno a
ruota libera,
ed io
mi ritrovo alla deriva
cercando di aggrapparmi
ad ogni che,
per mantenermi
a galla;
fatico molto sai
per essere come sono,
seguire il mio
d'istinto
essere spontaneo,
senza cedere 
alle tentazioni
dei compromessi che
ti privano 
di emozioni;
non credere che
tutto sia così semplice,
la vita porta
il conto da pagare
senza guardare
in faccia
il suo cliente,
me lo ritrovo sempre
assai salato,
eppure nulla
ho rotto nel passato,
ed ora resto 
attento a non peccare,
ma temo che per quanto
possa fare,
il conto bene o male
....arriverà.








mercoledì 12 marzo 2014

e...sei ancora...qui!

ricordando un....Angelo!







era domenica sera
due mesi fa,
ti sei stancata
di questa vita e
te ne sei andata via,
cercando in altro
la serenità;
hai seguito quello
che desideravi,
raggiungere quella luce
che da un po vedevi,
li dove il nonno
ti stava aspettando
appoggiato al ponte
...sorridendo.
hai salutato tutti
con il tuo silenzio,
con una tacita promessa
di rivederci presto,
mi aspetterai
avevi detto,
io so che ci sei
e che stai aspettando;
anche tuo li ora
appoggiata al ponte,
con il sorriso come
quello del tuo nonno,
parli ogni tanto e
ti fai presente,
resti li ed aspetti
pazientemente,
sicura certo che
non sarai scordata.







domenica 23 febbraio 2014

il tempo passato....!x

così,la vita  mia....




ripasso a memoria
i momenti della
mia storia,
gli anni passati,
come nel vento volati
via....
così,la vita mia;
i momenti dell'infanzia
delle difficoltà,
la scuola
i nuovi amici,
i primi veri
capricci,
momenti ormai remoti
dove trovo molti
vuoti....
che dentro alla memoria
annullano la storia.
i quindici anni
poi,nell'adolescenza,
gli innamoramenti
le cotte
a...intermittenza,
i primi grandi  amori
con tutti quei
dolori....
che con l'andar del tempo
svanivano nel nulla;
gli impegni poi
più seri,diciamo
quelli veri,
nelle lotte fatte in piazza,
la politica che impazza,
ed il maturamento
il vero cambiamento,
ti fai la tua
coscienza....
individui un'esistenza,
ti metti a programmare
su ciò che devi fare;
rivedo un po
la storia,
la ripasso a memoria,
non c'è più fantasia
tutto è volato
via....
così,la vita mia!


venerdì 7 febbraio 2014

non è.....facile.....


credo....



credo nelle cose
che dico
ed in quelle 
che faccio,altrimenti
taccio...
me ne resto
sgomento in silenzio,
se non sono 
convinto del tutto;
credo nelle fantasie
ma solo le mie
le altre
le vedo scontate,
irrazionali...
troppo reali
per il loro essere tutte
uguali come se,
nessuno pensasse
per se.
credo in quello
che vedo
ed in ciò che
immagino...
anche in mondi
diversi da questo,
in altri contesti
dove l'essere uomo
non è 
importante;
credo nella mia
entità
cosi diversa dalla
realtà....
dove di umano
solo il corpo
si cela,
e lo spirito svela
la sua vera
identità.

lunedì 27 gennaio 2014

i "compari"





è vero che
siamo sempre convinti
d'essere i migliori,
ci riteniamo
superiori,
con la consapevolezza 
di una intelligenza,
siamo convinti di
gestire tutto;
ma il nostro egoismo
ci rende ciechi,
nei confronti di una realtà
chiamata natura,
che silenziosamente
senza dimostrazioni,
ci ripagherà
con moneta dovuta.
fino a che
il nostro egoismo,
ci porterà soltanto
sete di potere,
non troveremo pace
in questa terra,
ne fra le razze umane
ne con noi stessi;
mancando di rispetto
ai nostri simili,
agli animali tutti
alla natura,
non significa certo
d'essere forti,
ne tanto meno
di non aver paura.
si ripeteranno ancora
azioni che disdegniamo,
follie fatte da singoli
che non riconosciamo,
rifiuteremo il tutto
perchè contrari,
ma il nostro stare zitti
ci fa "compari".







domenica 19 gennaio 2014

sei insieme a...noi!

un angelo!





chiudo un solo istante
gli occhi,
cerco di ritrovarti
nella memoria,
come ti ho sempre vista
provo ad immaginarti,
come saresti stata
quando i tuoi pochi anni,
fossero già passati;
ora sei li
che dormi,
sul volto tuo
un sorriso,
il tempo sembra fermo
come in paradiso,
penso che tra molti anni
non ti vedrei così,
saresti ancor più bella
sempre nel tuo
dormire.
riapro gli occhi
e...vedo,
solo una luce azzurra
invadere la stanza,
e mi ritrovo solo
dentro molta speranza,
di ritrovarti ancora
con quel dolce
tuo sorriso,
la luce risplendente
d'angelo
nel tuo viso.
vorrei richiudere gli occhi
per essere ancor
con te,
tenerti stretta la mano
farti sentire che,
non devi sentirti sola
c'è chi penserà
a te;
mantieni
il tuo sorriso,
prosegui questo riposo
se esiste il
paradiso
ci troveremo la.

domenica 12 gennaio 2014

il prato della famigli Pitotti!


el prat dei Pitotti...

  mi piacerebbe ritornare
la,per vedere,
cosa ne è rimasto
se,qualcosa
ancora...c'è!
la,dove ho vissuto
tutta la mia infanzia,
un mondo
quasi selvaggio,
il progresso 
non  vi era giunto;
io ,lo rivedo ancora
come lo vedevo allora,
ma il dubbio
che sia cambiato,
certo,l'ho considerato.
davanti a casa
c'era la ferrovia,
il treno
che sbuffava
i suoi neri vapori,
negli anni poi
a seguire,
l'elettrico avvenire,
tolse
tutto quel fascino,
il bello dello
sbuffare;
oltre a quei binari
dominava un gran pioppeto,
nidificavano gazze,
merli fagiani 
ed altro,
i picchi e le cicale
facevano il loro
concerto,d'estate
con il caldo
era musica
a cielo...aperto.
passando oltre i pioppi
c'era un grosso fosso,
 e superato questo
lui,l'immenso prato,
un rettangolo perfetto
da fossi circondato,
acacie fitti cespugli
i lati suoi
formavano;
era sempre perfetto
rasato e ben curato,
solo al suo centro
una quercia
troneggiava,
era enorme e forte,
la chioma sua perfetta,
sembrava la regina
di quell'area benedetta.
in quel prato 
io ci andavo,
con gli altri miei fratelli,
a giocare alla palla,
a funghi oppure
a fiori,
in certe occasioni
con la famiglia tutta,
all'ombra della quercia
si andava
a...merendare;
ora,
passati gli anni
vorrei li ritornare,
vedere,cnostatare
se il vecchio naturale,
sia rimasto
...tale,
o se la brutta mano,
del bene del progresso
abbia anche li
lasciato,il segno
del ...moderno.