Google+ Badge

sabato 23 novembre 2013

facile è farsi condizionare...rinunciare a viere illudendosi di...vivere;i compromessi annullano...noi stessi!

luce per...vivere






e poi all'improvviso
...il buio
su di noi,
si spegne ogni luce
muoiono
...le stelle,
tutto diventa opaco,
non ci si vede
non ci si sente...più,
ogni costante
valore non ha;
forse è questo
...lo scopo,
della verità
della libertà che l'uomo,
giammai realizzerà;
e poi...al'improvviso
non si comprende più,
è tutto 
così spento che,
speranza e convinzione
di danno
il pressuposto
per la rassegnazione.
e poi all'improvviso
...ecco
un raggio di sole,
riaccende la speranza
ritornano
...le parole,
per il tempo
del rimpianto
lasciamo un posto,
...a parte,
cerchiamo in noi
la forza
per riprendere a
...combattere,
contro
noi stessi prima,
che abbiamo ceduto
al buio,
credendo che le stelle
si potessero
spegnere;
invece è la speranza
a spegnersi
...in noi,
che rinunciamo spesso
troppo facilmente,
alla nostra
...libertà;
ci accontentiamo
...di poco
illudendoci di più,
anche se
accettiamo ciò
 che non è
...virtù!

domenica 17 novembre 2013

termine.........

saluto....tutti!!!







e mentre guardo
il giorno passare
mi chiedo se
qualcosa ho
ancora da fare,
se nel coro della
complicata giornata,
forse qualcosa
la ho scordata;
rifaccio il punto
della situazione,
cogliendo così
un'occasione,
riguardare ogni cosa
che oggi ho fatto,
capire se
e dove ho sbagliato,
analizzare
tutto il mio fare
così d'essere sereno,
e poter andare.
io me ne andrò
se sono sicuro
che ciò che ho fatto
l'ho controllato,
che sono in pace
con la coscienza
ciò messo tutta la 
mia efficienza,
per non lasciare
a chi verrà
la ben più minima
opportunità;
così sereno
rassicurato,
saluto il giorno
ora passato,
ho fatto tutto 
a modo mio
perciò adesso
me ne vado....anch'io.....!!!!

domenica 3 novembre 2013

anche i ricordi...passano

svaniscono....






il profumo che
il vento mi porta,
ricorda
il profumo di te,
lo assaporo
ancora una volta,
mentre steso
sull'erba
a ridosso di un fiume,
ricordo
....
ed ascolto l'acqua
che al fianco
mi scorre,
come quelle dolci
parole
che sovente
tu mi dicevi.
era ieri
o qualche giorno
più in la,
non ricordo ancor bene
ma ricordo
le scene,
noi due abbracciati
ridere e parlare
lasciarci andare
.....
ed ascolto le parole
che l'acqua 
scorrendo al mio fianco
si porta lontane
ed invano
l'orecchio va la,
nel provare a
risentirle .
non c'è verso
no c'è tempo,
la corrente
si porta con se
ogni cosa,
ed il vento adesso
mi priva
persino il profumo
....
ancor per poco
mi resta
il ricordo,
di un fiume
la sua acqua,
il vento
il profumo dell'erba
che fieno diventa,
tutto svanisce
lento o veloce
in modo
precoce.